I titani non diedero la scalata al Cielo, ma devastarono il mondo

G. K. ChestertonL’ultima e maggiore sorpresa nei riguardi della nostra fede è questa: che i suoi nemici usano tutte le armi contro di essa: spade con cui si tagliano le dita, tizzoni ardenti con cui incendiano le proprie case.

Uomini che cominciano a combattere la Chiesa per amore della libertà e della umanità finiscono col combattere anche la libertà e l’umanità pur di combattere la Chiesa. Non è esagerazione: potrei riempire un libro di esempi a questo proposito. […]

Conosco un tale che per la mania di provare che non ci sarà sopravvivenza individuale dopo la morte retrocede le sue posizioni fino a sostener che egli non ha esistenza individuale neppur ora; invoca il buddismo e dice che tutte le anime svaniscono una nell’altra; per dimostrare che non può andare in paradiso, dimostra che non può andare ad Hartlepool. Conosco persone che per protestare contro l’educazione religiosa usano argomenti valevoli contro un’educazione purchessia: dicono per esempio che la personalità dei ragazzi deve svilupparsi liberamente e che i vecchi non devono istruire i giovani. Ho conosciuto persone che, per dimostrare che non c’è la giustizia divina, dimostravano che non ci può essere la giustizia umana, nemmeno a scopi pratici. Bruciavano il loro grano pur di mettere a fuoco la Chiesa; rompevano i loro arnesi pur di sfasciare anche la Chiesa; qualunque pezzo di legno era buono per picchiare, anche se era l’ultimo avanzo dei loro mobili fracassati. […]

E tuttavia la cosa ancora intatta pende nei cieli. I suoi avversari non sono riusciti che a distruggere tutto ciò che giustamente avevano caro; ma non hanno distrutto l’ortodossia. Hanno distrutto il coraggio politico e il senso comune. […] Non soltanto la fede è madre di tutte le energie del mondo, ma i suoi nemici sono i padri di tutta la confusione del mondo. Il laicismo non ha distrutto le cose divine: ha distrutto le cose non divine – se questo può essere di conforto per esso. I titani non diedero la scalata al Cielo, ma devastarono il mondo. 

(G. K. Chesterton, Ortodossia, Morcelliana, Brescia 1995 (10. ed.), pp. 190-192)

Categorie: Chestertoniana | 6 commenti

Navigazione articolo

6 pensieri su “I titani non diedero la scalata al Cielo, ma devastarono il mondo

  1. Gabriele

    Chesterton è stupendo nelle sue dimostrazioni.

    Questo post dovrebbe rimanere sempre in cima: tutte le volte che ci viene lo sconforto per l’idiozia del ‘mondo’, tocca rileggerlo e rinvigorire la determinazione!

  2. Vabbe’…c’ho la malinconia e così l’ho pubblicato su FB! E poi GCK è la mia passione!!

  3. Signore suscita tre o quattro nuovi chesterton per i nostri tempi sono sicuro che il papa ne sarebbe contento(magari a roma sai per la vicinanza)

  4. Pingback: No country for families | Costanza Miriano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: