Pecora appestata e pecora smarrita

PECORA APPESTATA E PECORA SMARRITA — Nella parabola della pecora smarrita, Cristo parla del peccatore come d’un essere fuorviato (nel senso etimologico della parola), ma non corrotto nell’intimo. Una pecora smarrita è intrinsecamente sana quanto una pecora del gregge. Una simile concezione fa del peccato un male, in gran parte, estraneo all’uomo: il peccatore sbaglia strada, ma il suo corpo resta sano, gli basta di mutar rotta, per guarire. In altri termini, una pecora smarrita non è una pecora appestata. Il ritorno della prima, riempie di gioia il cuore del pastore, ma la presenza della seconda avvelena il gregge. In questo caso, la carità muta aspetto, la pietà verso il gregge richiede, al tempo stesso, di cercare la pecora smarrita e di allontanare la pecora appestata. E perciò Cristo ci ingiunge di assolvere a di condannare simultaneamente il peccatore, a seconda del grado di penetrazione e di fatalità del peccato nell’uomo. Conviene cercare la pecora smarrita, perdonare il figliuol prodigo, ecc.
Ma bisogna anche aver la forza di amputare il proprio arto cancrenoso. Se il tuo occhio ti scandalizza… Queste due categorie di peccatori ritornano frequentemente nel Vangelo: quelli che restano estranei al loro peccato (Zaccheo, l’adultera, la Maddalena, la Samaritana) e che possono essere salvati, e quelli la cui anima è divorata dal peccato, che formano un tutto con esso (i Farisei) e che perciò son già condannati.

(Gustave Thibon, Il pane di ogni giorno, Morcelliana, 1949, pp. 48-49)

Sull’argomento segnaliamo anche il bel post di Gerardo Ferrara, Apologia di una pecora, pubblicato sul blog Sposati e sii sottomessa.

Categorie: Thiboniana | 20 commenti

Navigazione articolo

20 pensieri su “Pecora appestata e pecora smarrita

  1. 61Angeloextralarge

    Non voglio essere un fariseo!
    Andrea grazie per la cura di thibonite: la dose quotidiana in casa c’è l’ho (colpa tua!) ma averla anche altrove è molto stimolane. :-D

  2. Strano che non mi arrivino più gli avvisi di commenti… :(
    Quanto è visibile, quasi tattabile, lo Spirito Santo negli scritti di Thibon.
    Riesce a farci riflettere su ciò che spesso diamo per scontato e mette il dito nelle sfumature che non riusciamo più a percepire.
    Thibonite acuta! :D

  3. 61Angeloextralarge

    Andrea? Tutta per te sta robetta…

  4. Ahahahahahaaaa…… ;) Sei fortissimo!!!

  5. 61Angeloextralarge

    Karin: concordo sul non chiedere lo stipendio… che al momento non ho nemmeno per me! ;-)
    Andreas: chissà se esiste l’Albo degli Untori… :-D

  6. Le mie ricerche di giorni della raccolta di ‘perle’ di Thibon, hanno portato all’univoco risultato che i libri cercati sono fuori catalogo (di certo, non lo saranno mai quelli di Moccia!) … cosa si fa in questi casi, escludendo le biblioteche comunali, esistono canali o luoghi in cui trovare i libri introvabili????
    :(
    Grazie.
    Buona giornata :)

    • Sono a Roma per la marcia del 13 e non posso accedere al mio pc, quando torno posso mandarti il file contenente “Il pane di ogni giorno”. Purtroppo le traduzioni italiane di Thibon sono ormai introvabili al di fuori del mercato dell’usato, al contrario delle edizioni in francese, che si trovano molto piu’ agevolmente. Peccato… Speriamo che a forza di diffondere la thibonite qualche editore di buona volonta’ ci faccia questo regalo.

      • Ma grazie!!!!!!!!!!!!!!!
        Che bello, la marcia per la vita??? Mendico subito preghiere anche per me, se posso : | ovunque e a chiunque :) ne ho sempre bisogno :)
        Che bella cosa proprio!
        NotteA(ngeli)

    • Fanno eccezione l’edizione Effedieffe in unico volume di “Diagnosi” e ”Ritorno al reale” (anche se piu’ che meditazioni queste opere contengono saggi di “fisiologia sociale”) e il libro-testimonianza “Simone Weil come l’abbiamo conosciuta”, ed. Ancora.

    • Certo, la marcia della vita. :-) Preghiere assicurate, appena torno allora ti mando il file thiboniano. Buonanotte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: