33 giorni – elezione di Papa Giovanni Paolo I il 26 agosto 1978

Papa Luciani – catechesi di mercoledì 27 settembre, a poche ore dall’incontro con il suo Signore

«Mio Dio, ti amo con tutto il cuore sopra ogni cosa voi, bene infinito e nostra eterna felicità, e per amor vostro amo il prossimo mio come me stesso e perdono le offese ricevute. O Signore, ch’io vi ami sempre più».

 È una preghiera notissima intarsiata di frasi bibliche. Me l’ha insegnata la mamma. La recito più volte al giorno anche adesso e cerco di spiegarvela, parola per parola, come farebbe un catechista di parrocchia. Siamo alla “terza lampada di santificazione” di papa Giovanni: la carità. Amo. A scuola di filosofia il professore mi diceva: «Tu conosci il campanile di S. Marco? Sì?

 Ciò significa che esso è entrato in qualche modo nella tua mente: fisicamente è rimasto dov’era, ma nel tuo intimo esso ha impresso quasi un suo ritratto intellettuale. Tu, invece, ami il campanile di S. Marco?

Ciò significa che quel ritratto, da dentro, ti spinge e ti inclina, quasi ti porta, ti fa andare con l’animo verso il campanile ch’è fuori. Insomma: «amare significa viaggiare, correre con il cuore verso l’oggetto amato».

Dice l’Imitazione di Cristo: chi ama “currit, volat, laetatur”, corre, vola e gode. Amare Dio è dunque un viaggiare col cuore verso Dio. Viaggio bellissimo. Da ragazzo, mi estasiavo nei viaggi descritti da Giulio Verne (Ventimila leghe sotto i mari, Dalla terra alla luna, Il giro del mondo in ottanta giorni, ecc.).

Ma i viaggi dell’amore a Dio sono molto più interessanti. Lì si legge nella vita dei santi. S. Vincenzo de’ Paoli, di cui celebriamo oggi la festa, per esempio, è un gigante della carità: ha amato Dio come non si ama un padre e una madre, è stato lui stesso un padre per prigionieri, malati, orfani e poveri.

S. Pietro Claver, consacrandosi tutto a Dio, firmava: «Pietro, schiavo dei negri per sempre».

Il viaggio porta anche dei sacrifici, ma questi non devono fermarci. Gesù è in croce: tu lo vuoi baciare? non puoi fare a meno di piegarti sulla croce e lasciarti pungere da qualche spina della corona, che è sul capo del Signore. Non puoi far la figura del buon S. Pietro, che è stato bravo a gridare “Viva Gesù” sul monte Tabor, dove c’era la gioia, ma non s’è neppure lasciato vedere accanto a Gesù sul monte Calvario, dove c’era il rischio e il dolore. L’amore a Dio è anche viaggio misterioso: io non parto cioè, se Dio non prende prima l’iniziativa. «Nessuno – ha detto Gesù – può venire a me, se non lo attira il Padre» (Gv 6,44).
Si chiedeva S. Agostino: ma, allora, la libertà umana?

Dio, però, che ha voluto e costruito questa libertà, sa lui come rispettarla, pur portando i cuori al punto da lui inteso: «Parum est voluntate, etiam voluptate traheris »; Dio non soltanto ti attira in modo che tu stesso voglia, ma perfino in modo che tu gusti di essere attirato.

Nel corso delle sue quattro udienze generali, Luciani rivelò due caratteristiche peculiari della sua personalità: l’umiltà e la semplicità. Humilitas, il suo motto vescovile, significava «non umiltà, bensì impegno ad essere umili». La semplicità fu dimostrata dal dialogo tra il Papa ed i bambini, che egli chiamava a sé per spiegare la dottrina ai fedeli. Concetti chiari e diretti, che gli attirarono alcune critiche da parte di teologi, intellettuali ed esponenti della stampa.

Categorie: Vox catholicae Ecclesiae | Tag: , , , , , , , , | 6 commenti

Navigazione articolo

6 pensieri su “33 giorni – elezione di Papa Giovanni Paolo I il 26 agosto 1978

  1. 61Angeloextralarge

    Grande, randissima Karin! Grazie per questo post. ;.)

  2. mariella santarelli

    L’eterno riposo dona a loro o Signore splenda ad essi la luce perpetua riposino in pace amen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: