Auguri per un gioioso Santo Natale!

“E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”. (Gv 1, 14)

Osserva, uomo, che cosa è diventato per te Dio!

Quali lodi potremo dunque cantare all’amore di Dio, quali grazie potremo rendere? Ci ha amato tanto che per noi è nato nel tempo lui, per mezzo del quale è stato creato il tempo; nel mondo fu più piccolo di età di molti suoi servi, lui che è eternamente anteriore al mondo stesso; è diventato uomo, lui che ha fatto l’uomo; è stato formato da una madre che lui ha creato; è stato sorretto da mani che lui ha formato; ha succhiato da un seno che lui ha riempito; il Verbo senza il quale è muta l’umana eloquenza ha vagito nella mangiatoia, come bambino che non sa ancora parlare.

Osserva, uomo, che cosa è diventato per te Dio: sappi accogliere l’insegnamento di tanta umiltà, anche in un maestro che ancora non parla. Tu una volta, nel paradiso terrestre, fosti così loquace da imporre il nome ad ogni essere vivente (Cf. Gn 2, 19-20); il tuo Creatore invece per te giaceva bambino in una mangiatoia e non chiamava per nome neanche sua madre. Tu in un vastissimo giardino ricco di alberi da frutta ti sei perduto perché non hai voluto obbedire; lui per obbedienza è venuto come creatura mortale in un angustissimo riparo, perché morendo ritrovasse te che eri morto. Tu che eri uomo hai voluto diventare Dio e così sei morto (Cf. Gn 3); lui che era Dio volle diventare uomo per ritrovare colui che era morto. La superbia umana ti ha tanto schiacciato che poteva sollevarti soltanto l’umiltà divina.

Sant’Agostino Vescovo (Sermo 188, 2,2-3,3))

 Salcher-Krippe

Fin dalla nascita Egli non appartiene a quell’ambiente che, secondo il mondo, è importante e potente.  Ma proprio quest’uomo irrilevante e senza potere si rivela come il veramente Potente, come Colui dal quale, alla fine, dipende tutto. Fa quindi parte del diventare cristiani l’uscire dall’ambito di ciò che tutti pensano e vogliono, dai criteri dominanti, per entrare nella luce della verità sul nostro essere e, con questa luce, raggiungere la via giusta.

(Benedetto XVI – L’infanzia di Gesù)


Carissimi,
camminiamo con Papa Benedetto per “raggiungere la via giusta”, non vergogniamoci mai di chiedere a Dio ciò che sa fare meglio: i miracoli, è il Suo pane quotidiano. In questi tempi ne abbiamo un gran bisogno ma spesso la ragione ci intralcia nel chiedere le cose impossibili. Per Dio nulla è impossibile al di fuori del peccato. Buttiamoci dietro alle spalle il nostro “essere adulto” e chiediamo fiduciosi a Dio l’impossibile se è questo che ci serve. Lui non si tirerà indietro, vi do la mia parola. 

Un gioioso Santo Natale a tutti voi che fate un salto in questo blog! 

Maierhöfen_Pfarrkirche_Orgelempore_Geburt_Christi

Categorie: Avvento - S. Natale | 5 commenti

Navigazione articolo

5 pensieri su “Auguri per un gioioso Santo Natale!

  1. Mariella Santarelli

    grazie grazie grazie Ges grazie di tutto buon santo natale a tutto il mondo

  2. Grazie e buon Natale a tutti

  3. Me ne ricordo di questo film, bello! Grazie Viviana, uno splendido Santo Natale a te! :D

  4. paola

    “Il vero mistero del Natale è lo splendore interiore che proviene da questo Bambino. Lasciamo che questo splendore si comunichi a noi, che accenda nel nostro cuore la fiammella della bontà di Dio; portiamo tutti, col nostro amore, la luce nel mondo.” BXVI

    Il mio augurio a te Karin, ad Angela, a Viviana e a tutti: Buon e Santo Natale!

  5. Grazie di cuore, cara Paola e ricambio con affetto! :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: