MARIA SS.MA MADRE DI DIO

1255519883_858d0b0e30Madre di Dio (in greco Θεοτόκος; in latino Deipara o Dei genetrix) è un titolo  che è stato dato a Maria nel 431 dal Concilio di Efeso attraverso la proclamazione di un dogma ed è una conseguenza della dottrina cristologica affermata dal concilio. Secondo il concilio Gesù Cristo, pur essendo sia Dio che uomo – come già diceva in precedenza il concilio di Nicea (325) -, è un’unica persona. Le due nature, divina e umana, sono inseparabili e perciò Maria può essere legittimamente chiamata Madre di Dio. La solennità di Maria S.ma Madre di Dio è la prima festa mariana comparsa nella Chiesa occidentale.

Il Servo di Dio Paolo VI, volle, a partire dal 1967, che il 1° gennaio diventasse anche la Giornata Mondiale della Pace; in questa occasione il Sommo Pontefice invia ai Capi delle Nazioni un messaggio che invita alla riflessione sul tema della Pace.

Dall’omelia di Papa Benedetto XVI

Cari fratelli e sorelle!

Iniziamo quest’oggi un nuovo anno e ci prende per mano la speranza cristiana; lo iniziamo invocando su di esso la benedizione divina ed implorando, per intercessione di Maria, Madre di Dio, il dono della pace: per le nostre famiglie, per le nostre città, per il mondo intero […]

Nella prima Lettura, tratta dal Libro dei Numeri, abbiamo ascoltato l’invocazione: “Il Signore ti conceda pace” (6,26); il Signore doni pace a ciascuno di voi, alle vostre famiglie, al mondo intero. Tutti aspiriamo a vivere nella pace, ma la pace vera, quella annunciata dagli angeli nella notte di Natale, non è semplice conquista dell’uomo o frutto di accordi politici; è innanzitutto dono divino da implorare costantemente e, allo stesso tempo, impegno da portare avanti con pazienza restando sempre docili ai comandi del Signore… 

Il nostro pensiero si volge ora naturalmente alla Madonna, che oggi invochiamo come Madre di Dio. Fu il Papa Paolo VI a trasferire al primo gennaio la festa della Divina Maternità di Maria, che un tempo cadeva l’11 di ottobre. Prima infatti della riforma liturgica seguita al Concilio Vaticano II, nel primo giorno dell’anno si celebrava la memoria della circoncisione di Gesù nell’ottavo giorno dopo la sua nascita – come segno della sottomissione alla legge, il suo inserimento ufficiale nel popolo eletto – e la domenica seguente si celebrava la festa del nome di Gesù. Di queste ricorrenze scorgiamo qualche traccia nella pagina evangelica che è stata poco fa proclamata, in cui san Luca riferisce che otto giorni dopo la nascita il Bambino venne circonciso e gli fu posto il nome di Gesù, “come era stato chiamato dall’angelo prima di essere concepito nel grembo della madre” (Lc 2,21). Quella odierna pertanto, oltre che essere una quanto mai significativa festa mariana, conserva pure un contenuto fortemente cristologico, perché, potremmo dire, prima della Madre, riguarda proprio il Figlio, Gesù vero Dio e vero Uomo.

Al mistero della divina maternità di Maria, la Theotokos, fa riferimento l’apostolo Paolo nella Lettera ai Galati. “Quando venne la pienezza del tempo, – egli scrive – Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge” (4,4). In poche parole troviamo sintetizzati il mistero dell’incarnazione del Verbo eterno e la divina maternità di Maria: il grande privilegio della Vergine sta proprio nell’essere Madre del Figlio che è Dio. […]

206726_433300770077226_854894195_n

Il titolo di Madre di Dio è il fondamento di tutti gli altri titoli con cui la Madonna è stata venerata e continua ad essere invocata di generazione in generazione, in Oriente e in Occidente. Al mistero della sua divina maternità fanno riferimento tanti inni e tante preghiere della tradizione cristiana, come ad esempio un’antifona mariana del tempo natalizio,l’Alma Redemptoris mater con la quale così preghiamo: “Tu quae genuisti, natura mirante, tuum sanctum Genitorem, Virgo prius ac posterius – Tu, nello stupore di tutto il creato, hai generato il tuo Creatore, Madre sempre vergine”.

Cari fratelli e sorelle, contempliamo quest’oggi Maria, madre sempre vergine del Figlio unigenito del Padre; impariamo da Lei ad accogliere il Bambino che per noi è nato a Betlemme. Se nel Bimbo nato da Lei riconosciamo il Figlio eterno di Dio e lo accogliamo come il nostro unico Salvatore, possiamo essere detti, e lo siamo realmente, figli di Dio: figli nel Figlio. Scrive l’Apostolo: “Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l’adozione a figli” (Gal 4,4).

L’evangelista Luca ripete più volte che la Madonna meditava silenziosa su questi eventi straordinari nei quali Iddio l’aveva coinvolta. Lo abbiamo ascoltato anche nel breve brano evangelico che quest’oggi la liturgia ci ripropone. “Maria serbava queste cose meditandole nel suo cuore” (Lc 2,19). […]

Cari fratelli e sorelle, solo conservando nel cuore, mettendo cioè insieme e trovando un’unità di tutto ciò che viviamo, possiamo addentrarci, seguendo Maria, nel mistero di un Dio che per amore si è fatto uomo e ci chiama a seguirlo sulla strada dell’amore; amore da tradurre ogni giorno in un generoso servizio ai fratelli. Possa il nuovo anno, che oggi fiduciosi iniziamo, essere un tempo nel quale avanzare in quella conoscenza del cuore, che è la sapienza dei santi. Preghiamo perché, come abbiamo ascoltato nella prima Lettura, il Signore “faccia brillare il suo volto” su di noi, ci “sia propizio” (cfr Nm 6,24-27), e ci benedica.

Possiamo esserne certi: se non ci stanchiamo di ricercare il suo volto, se non cediamo alla tentazione dello scoraggiamento e del dubbio, se pur fra le tante difficoltà che incontriamo restiamo sempre ancorati a Lui, sperimenteremo la potenza del suo amore e della sua misericordia. Il fragile Bambino che la Vergine quest’oggi mostra al mondo, ci renda operatori di pace, testimoni di Lui, Principe della pace. Amen!

Benedetto XVI – Basilica Vaticana, 1° gennaio 2008

© Copyright 2008 – Libreria Editrice Vaticana


Categorie: Avvento - S. Natale, In Cristo Re e Maria Santissima | Tag: , , , , , , , | 30 commenti

Navigazione articolo

30 pensieri su “MARIA SS.MA MADRE DI DIO

  1. 61Angeloextralarge

    “seguendo Maria”: questo è il fulcro di tutto questo bellissimo post! Senza di Lei siamo incompleti.

  2. paola

    Ecco qui, sono andati via i ragazzi di Taize (giusto per la cronaca, avevamo a pranzo Zagabria, Lisbona, Francoforte, Lublino e Milano, totale con noi di famiglia 28).
    Un attimo di relax prima di rimettere in ordine la sala, e cosa c’è di meglio di questo blog? Cara Karin, mi unisco ai complimenti per la tua cordiale accoglienza, e aggiungo quelli per la eccellente scelta di brani e testi.
    Questo è un blog ‘cortese ed erudito’ che aiuta ad …. avanzare in quella conoscenza del cuore, che è la sapienza dei santi….
    :-D

    • Urca! Ne avevi da fare… :D
      E questo mi ricorda che ti devo ancora un risposta su una citazione…insisterò. :)
      Senti, puoi raccontare come era questo pranzo, che impressione avevi? Mi interessa molto.
      Grazie per le parole belle, Paola! ^__^

      • paola

        Non so cosa hai in mente, comunque noi abbiamo avuto due ragazzi croati e una suora polacca. Tra i 150 accolti dalla parrocchia c’erano ucraini, polacchi, portoghesi, francesi….Per il pranzo di oggi chi poteva ha invitato qualcuno di quelli che alloggiano nei locali della parrocchia. Il numero dei partecipanti è stato superiore del previsto, più di 40.000; 3000 sono finiti a dormire nei locali semiabbandonati della vecchia Fiera di Roma. E’ stato commovente stamattina sentire le letture in 4 lingue, i canti, con tanti giovani seri e composti. Alla fine della Messa, due ragazze tedesche protestanti hanno letto una meditazione, secondo la loro usanza.
        Tornando al pranzo, è stato bello preparare tutto insieme ai miei ospiti e ai miei figli. La suora ha spalmato il burro sul pane, i ragazzi hanno affettato salumi e frutta e hanno spostato tutti i mobili del salone per fare spazio, è stato un lavoro di squadra. Sono molto colpita da questi due croati, 16 e 20 anni, aspiranti domenicani, vivono in convento e studiano teologia. Mio figlio quattordicenne è rimasto sorpreso, specie per l’età del minore, così vicina alla sua. Una fede vissuta in modo diverso da quello dei nostri ragazzi in Italia, o anche in Germania: le tre ragazze di Francoforte sono vegetariane (a colazione pane e acqua, giuro! Mia nipote ha commentato “Bread with water, like in prison?)), timide, disordinate, … altro mondo.
        Mi fermo, è meglio. Se vuoi farmi qualche domanda, provo a rispondere.

        • Era quello che volevo sapere, Paola, e qualunque altra cosa ti abbia colpito.
          Non sono affatto meravigliata delle ragazze di Francoforte, c’è un grande disordine anche esteriore fra le religioni protestanti innumerevoli e battaglie perfino tra di loro, ma battaglie toste. Se poi si considera che vivono il Papa come anticristo c’è da stupirsi che siano venute in Italia per questo grande incontro. E’ davvero tragica la situazione in Germania, Austria e Svizzera, ma la Germania spicca per disorientamento. :(
          Grazie, Paola!

          • paola

            Comunque, mi sono informata, le ragazze di Francoforte erano cattoliche. Capisco ciò che dici, e sono sicura che ci siano buoni motivi per preoccuparsi; tra i ragazzi di Taizè però c’è un’altra aria, credimi. Ho ospitato una volontaria di Lübeck Hansestadt, Schleswig-Holstein: è protestante, si chiama Marie, e porta al collo la medaglietta della Madonna miracolosa, regalatale dalla mamma. Dice che ha un valore affettivo, non per devozione, ma comunque non ha ostilità verso la Madonna e la Chiesa Cattolica.
            Per passare ad un altro esempio, ti racconto ciò che è capitato con un gruppo di croati. In giro per Roma con mia figlia, quando per comprare un po’ di pizza lei li ha accompagnati in un ‘pizza e kebab’ hanno fatto una faccia stravolta ed hanno chiesto di cambiare locale. Posso capire che in questo caso ci sono alle spalle guerre e uccisioni che hanno causato profonde divisioni. Per noi qui, nati e cresciuti ‘all’ombra del cupolone’, sono tutte esperienze nuove.

  3. Mariella Santarelli

    Maria santissima Madre di Dio protettrice della mia parrocchia di Torrette come tutti gli anni affido tutti i miei cari sotto la tua santa protezione affido l’Italia e tutto il mondo Ave Maria madre di Dio prega per noi peccatori Gloria al padre la figlio ed allo spirito santo buna e santa giornata atutti

  4. 61Angeloextralarge

    Grazie Paola! Smack! :-D

    • paola

      Angela, mi hanno “invitato” a Medjugorie…. :-D …chissà…..

      • 61Angeloextralarge

        Allora questo è per tutti ma specialmente per te… se Maria chiama, poi dà anche la possibilità di andare! :-D

        Cari figli, con molto amore e pazienza, cerco di rendere i vostri cuori simili al mio Cuore. Cerco di insegnarvi, col mio esempio, l’umiltà, la sapienza e l’amore, perché ho bisogno di voi, non posso senza di voi, figli miei. Secondo la volontà di Dio vi scelgo, secondo la sua forza vi rinvigorisco. Perciò, figli miei, non abbiate paura di aprirmi i vostri cuori. Io li darò a mio Figlio ed Egli, in cambio, vi donerà la pace divina. Voi lo porterete a tutti coloro che incontrate, testimonierete l’amore di Dio con la vita e, tramite voi stessi, donerete mio Figlio. Attraverso la riconciliazione, il digiuno e la preghiera, io vi guiderò. Immenso è il mio amore. Non abbiate paura! Figli miei, pregate per i pastori. Che le vostre labbra siano chiuse ad ogni condanna, perché non dimenticate: mio Figlio li ha scelti, e solo Lui ha il diritto di giudicare. Vi ringrazio. (Medjugorje, dato a Mirjana il 2 gennaio 2013)

  5. 61Angeloextralarge

    Karin: mi piace molto l’immagine della Madonna che ha lasciato Paola, ma è molto bella anche quella che hai messo tu in questo post. Smack! :-D

    • Grazie, gioia! :D

    • paola

      Ehi! Con Karin non c’è partita, l’ho detto che le sue scelte sono eccellenti, e colte….
      ma vi mando anche questa :-D

      • Ohhhhhhhhhhh….. O_O
        Che meraviglia….e io che pensavo di avere quasi tutte le immagini della Madonna.
        Paolo, sei una meraviglia, grazie! :)
        Vedo davvero che ognuno di noi ha dei doni particolari e differenti. Ma quanto è grande Dio! :D

      • 61Angeloextralarge

        Paola. che dolce immagine! Smack! So già come utilizzarla il prossimo Natale! ;-)
        Ueh! Ma se hai altre cosine così… puoi inviarmele per la pagina mariana, no? Smack in anticipo! :-D

  6. Molto belle! ;)

  7. Ho letto, Paola, ed è molto doloroso.

    • paola

      Carissima, mi piace come hai cura di rispondere sempre ad ogni commento!
      Perdona se ti chiedo una cosa, non è una puntualizzazione.
      Il tuo “molto doloroso” immagino si riferisca al sentimento anti-islamico dei croati, ma puoi dirmi la tua impressione sulla ragazza protestante? Sinceramente, a me pare un esempio in contraddizione con tante altre asprezze. Tra l’altro, questa ragazza ed altre sia protestanti che cattoliche, da settembre abitano insieme in un istituto di suore, cattoliche ovviamente, come volontarie per il meeting.
      Nell’organizzazione della giornata dei pellegrini era prevista la prima preghiera comune alle 9, mentre per chi voleva c’era la celebrazione della Messa alle 8.30.
      Scusa la lungaggine, forse è fuori tema.

      • Paola, io parlavo della ragazza protestante e le due cattoliche. Il sentimento anti-islamico delle Croate è comprensibile, la sofferenza è stata immane.
        Provo a spiegare ma temo di non riuscirci perché alcune situazioni bisogna vivere. Parlo della situazione in Germania: essere protestante dalle mie parti, è, o meglio: era assai più semplice che essere cattoliche. Molto meno complicato, per seguire Cristo basta la Bibbia e la tua coscienza, ma comunque in continua formazione attraverso i predicatori, alcuni anche molto bravi. I protestanti inoltre, vengono considerati meglio in società, i cattolici invece hanno formato una specie di conclave e si sono chiusi in questo loro regno, comprensibilmente.
        Il problema vero è arrivato con un mal interpretato Ecumenismo, che ha preso le sembianza di un mischiarsi senza però poter condividere tutto, e parlo delle Messe insieme dove al momento dell’Eucaristia si sono divisi. Non si capiva e non capisce bene che cosa di buono possa venirne fuori, a parte una crescente ostilità perché ognuno è convinto che il vero Ecumenismo non potrà mai esserci senza la comprensione reciproca, il rispetto e la chiarezza. Alcuni protestanti sono molto più liberi di altri, come accennato sopra in un post ci sono centinaia di gruppi protestanti diversi. Ma in pochi si trovano a loro agio mischiati insieme, a meno che non facciano un percorso lungo attraverso realtà come Taizé.
        In più, proprio nel mondo cattolico, c’è il grande disorientamento attraverso dei sacerdoti cattolici lungi a seguire il Magistero della Chiesa, il Papa, e si sentono perdenti, lasciati a piedi e senza sostegno. I continui cambiamenti dei momenti liturgici, pochi sacerdoti a loro disposizione, si devono in qualche modo arrangiare. Se sento cosa mi raccontano gli amici cattolici della Germania, io rabbrividisco perché credo che un scisma sia già in atto. Ed i cattolici, una volta fieri di esserlo, sono confusi.

        • paola

          Molto interessante. Su argomenti come questo non bisogna mai parlare in astratto, hai fatto bene a raccontare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: