Festa del Santissimo Nome di Gesù

344701858_91d93b2972Per celebrare questa festa, fu dapprima scelta la seconda domenica dopo l’Epifania, che ricorda il banchetto delle nozze di Cana.  È nel giorno nuziale che la Sposa assume il nome dello Sposo, e questo nome d’ora in poi testimonierà che essa appartiene a lui. La Chiesa, volendo onorare con un culto speciale un nome per essa così prezioso, ne univa dunque il ricordo a quello delle Nozze divine. Oggi, essa riallaccia all’anniversario stesso del giorno in cui fu imposto, otto giorni dopo la nascita, la celebrazione di quell’augusto Nome.

L’antica alleanza aveva circondato il Nome di Dio di un profondo terrore: quel nome era per essa tanto formidabile quanto santo, e l’onore di proferirlo non spettava a tutti i figli d’Israele. Dio non era ancora stato visto sulla terra a conversare con gli uomini, non si era ancora fatto uomo lui stesso per unirsi alla nostra debole natura: non potevano dunque dargli quel Nome d’amore e di tenerezza che la Sposa dà allo Sposo.

Ma quando è giunta la pienezza dei tempi, quando il mistero d’amore è sul punto di apparire, scende innanzitutto dal cielo il Nome di Gesù, come un anticipo della presenza del Signore che deve portarlo. L’Arcangelo dice a Maria: “Gli imporrai il nome di Gesù”; ora Gesù vuol dire Salvatore. Quanto sarà dolce a pronunziarsi, questo nome, per l’uomo che era perduto! Questo solo Nome quanto riavvicina già il cielo alla terra! Ve n’è forse uno più amabile o più potente? Se a questo divin Nome ogni ginocchio deve piegarsi in cielo, in terra e nell’inferno, vi è forse un cuore che non si commuova d’amore al sentirlo pronunciare? Ma lasciamo descrivere a san Bernardo la potenza e la dolcezza di questo Nome benedetto. Ecco come egli si esprime in proposito nel suo XV Sermone sul Cantico dei Cantici:

“Il Nome dello Sposo è luce, cibo, medicina. Esso illumina, quando lo si rende noto; nutre, quando vi si pensa in segreto; e quando lo si invoca nella tribolazione, procura la dolcezza e l’unzione. Percorriamo, di grazia, ognuna di tali qualità. Donde pensate che si sia potuto diffondere nell’universo intero la grande e improvvisa luce della Fede, se non dalla predicazione del Nome di Gesù? Non è forse per la luce di quel Nome benedetto che Dio ci ha chiamati alla sua stessa mirabile luce? Illuminati da essa, e vedendo in quella luce un’altra luce, sentiamo san Paolo che ci dice giustamente: Voi eravate una volta tenebre; ma ora siete luce nel Signore.

Ma il Nome di Gesù non è soltanto luce, è anche cibo. Non vi sentite dunque riconfortati ogni qual volta richiamate al vostro cuore quel dolce Nome? Che altro c’è al mondo che nutra tanto la mente di colui che Lo pensa? Che cos’è che, allo stesso modo, ristori i sensi indeboliti, dia energia alle virtù, faccia fiorire i buoni costumi e mantenga gli onesti e casti affetti? Ogni cibo dell’anima è arido se non è imbevuto di quest’olio, è insipido se non è condito con questo sale.

Quando voi mi scrivete, il vostro dire non ha per me alcun sapore, se non vi leggo il Nome di Gesù. Quando discutete o parlate con me, tutto il vostro discorso non ha per me alcun interesse se non vi sento risuonare il Nome di Gesù. Gesù è miele alla mia bocca, melodia al mio orecchio, giubilo al mio cuore; ed oltre a questo, una medicina benefica. Qualcuno di voi è triste? Che Gesù venga nel suo cuore, passi di qui nella sua bocca, e subito, alla venuta del Nome divino che è vera luce, scompare ogni nube, e torna il sereno. Qualcuno cade nel peccato oppure incorre, disperando, nei lacci della morte? Se invoca il Nome di Gesù, non comincerà subito a respirare e a vivere nuovamente? Chi mai restò nell’indurimento del cuore come fanno tanti altri; o nel torpore delle gozzoviglie, nel rancore o nel languore del tedio? Chi mai, avendo in sé esaurito la sorgente delle lacrime, non l’ha sentita d’improvviso scorrere più abbondante e più soave, appena è stato invocato Gesù? Qual è quell’uomo che, timoroso e preoccupato in mezzo ai pericoli, invocando quel Nome di forza non abbia sentito subito nascere in sé la fiducia e svanire la paura? Chi è colui, vi chiedo, che sbattuto e vacillante in balia dei dubbi, non ha all’istante – lo dico senza esitare – visto risplendere la certezza all’invocazione di un Nome così luminoso? Chi, nell’avversità, mentre era in preda alla sfiducia, non ha ripreso coraggio al suono di quel Nome di valido aiuto? Sono queste infatti le malattie e i languori dell’anima ed esso ne è il rimedio.

Certamente, e posso provarvelo con quelle parole: Invocami, dice il Signore, nel giorno della tribolazione, e io ti libererò, e tu mi onorerai. Nulla al mondo arresta così decisamente l’impetuosità dell’ira e riduce ugualmente la gonfiezza della superbia. Nulla guarisce così perfettamente le piaghe della tristezza, comprime le irruenze della dissolutezza, spegne la fiamma della cupidigia, estingue la sete dell’avarizia, e distrugge tutti gli stimoli delle passioni disoneste. In verità, quando io nomino Gesù, ho davanti un uomo dolce e umile di cuore, benigno, sobrio, casto, misericordioso, in una parola splendente di ogni purezza e santità. È lo stesso Dio onnipotente che mi guarisce con il suo esempio, e mi rinforza con la sua assistenza. Tutte queste cose echeggiano nel mio cuore quando sento risuonare il Nome di Gesù. Così, in quanto è uomo, io ne ricavo degli esempi per imitarli, e in quanto è l’Onnipotente, ne ricavo un sicuro aiuto. Mi servo di quegli esempi come di erbe medicinali, e dell’aiuto come d’uno strumento per tritarle, e ne faccio così una mistura tale che nessun medico potrebbe farne una simile.

O anima mia, tu hai un antidoto eccellente, nascosto come in un vaso, nel Nome di Gesù! Gesù, infatti è un nome salutare e un rimedio che non risulterà mai inefficace per nessuna malattia. Che esso sia sempre nel tuo cuore, e nella tua mano: di modo che tutti i tuoi sentimenti e tutti i tuoi atti siano diretti verso Gesù”.

2565522969Questa è dunque la forza e la soavità del santissimo Nome di Gesù, che fu imposto all’Emmanuele il giorno della sua Circoncisione; ma, siccome il giorno dell’Ottava di Natale è già consacra a celebrare la divina Maternità, e il mistero del Nome dell’Agnello richiedeva solo per sé una propria solennità, è stata, istituita la festa di oggi. Il suo primo promotore fu nel XV secolo, san Bernardino da Siena, che stabilì e propagò l’usanza di rappresentare, circondato di raggi, il santo Nome di Gesù ridotto alle sue prime tre lettere JHS, riunite in monogramma. Questa devozione si diffuse rapidamente in Italia, e fu incoraggiata dall’illustre san Giovanni da Capistrano, dell’Ordine dei Frati Minori al pari di san Bernardino da Siena. La Santa Sede approvò solennemente tale omaggio al Nome del Salvatore degli uomini, e nei primi anni del XVI secolo Clemente VII, dopo lunghe istanze, accordò a tutto l’Ordine di san Francesco il privilegio di celebrare una festa speciale in onore del santissimo Nome di Gesù.

Roma estese successivamente questo favore a diverse Chiese ma doveva venire il momento in cui ne sarebbe stato arricchito lo stesso Ciclo universale. Fu nel 1721, dietro richiesta di Carlo VI imperatore di Germania, che il Papa Innocenzo XIII decretò che la festa del santissimo Nome di Gesù fosse celebrata in tutta la chiesa, e la fissò allora alla seconda Domenica dopo l’Epifania.

EPISTOLA (At 4,8-12). – In quei giorni; Pietro ripieno di Spirito Santo, disse: Capi del popolo, ed anziani, ascoltate: Giacché oggi siamo interrogati sul beneficio fatto ad un malato, affine di sapere in qual modo questo sia guarito, sia noto a voi tutti, e a tutto il popolo d’Israele, come in nome del Signor nostro Gesù Cristo Nazareno che voi crocifiggeste e Dio risuscitò da morte, in virtù di questo nome costui è salvo dinanzi a voi. Questa è la pietra riprovata da voi, costruttori, la quale è divenuta la pietra angolare. Ne c’è in altro salvezza. E non v’è altro nome Sotto il cielo dato agli uomini in virtù del quale possiamo salvarci.

Lo sappiamo, o Gesù: nessun altro nome fuorché il tuo poteva darci la salvezza. Quel nome infatti significa Salvatore. Sii benedetto per esserti degnato di accettarlo; sii benedetto per averci salvati! Tu appartieni al cielo, e assumi un nome della terra, un nome che può pronunciare una bocca mortale: unisci dunque per sempre la natura divina e quella umana. Rendiamoci degni di tale alleanza, e facciamo in modo che non ci avvenga mai di romperla.

VANGELO (Lc 2, 2-1). – In quel tempo: Come passarono gli otto giorni per la circoncisione del fanciullo, gli fu posto nome Gesù, com’era stato chiamato dall’Angelo prima che nel seno materno fosse concepito.

È nel momento della prima effusione del tuo sangue nella Circoncisione, o Gesù, che hai ricevuto il tuo Nome; e doveva essere così, poiché quel nome significa Salvatore, e noi non potevamo essere salvati che dal tuo sangue. Quella felice alleanza che tu vieni a stringere con noi ti costerà un giorno la vita, l’anello nuziale che imporrai alla nostra mano mortale sarà immerso nel tuo sangue, e la nostra vita immortale sarà il prezzo della tua morte crudele. Il tuo Nome santo ci dice tutte queste cose, o Gesù, o Salvatore! Tu sei la Vite, e c’inviti a bere il tuo Vino generoso, ma il celeste grappolo sarà duramente spremuto nel frantoio della giustizia del Padre celeste, e potremo inebriarci del suo divino liquore solo dopo che sarà stato violentemente staccato dal ceppo e frantumato. Che il tuo nome santo, o Emmanuele, ci richiami sempre alla mente questo sublime mistero, il suo ricordo ci preservi dal peccato e ci renda sempre fedeli!

PREGHIAMO

O Dio, che hai costituito il tuo Figlio Unigenito Salvatore del genere umano, ed hai voluto che fosse chiamato Gesù, concedici propizio di godere nel cielo la vista di Colui, del quale in terra veneriamo il santo Nome.

da: dom Prosper Guéranger, L’anno liturgico, P. 183-187

Il Beato Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005) ha ripristinato al 3 gennaio la memoria facoltativa nel Calendario Romano.

Categorie: Avvento - S. Natale, In Cristo Re e Maria Santissima | Tag: , , , | 19 commenti

Navigazione articolo

19 pensieri su “Festa del Santissimo Nome di Gesù

  1. Pingback: Il Santissimo Nome di Gesù « Flaviamile's Blog

  2. 61Angeloextralarge

    Grazie! Proprio utile questo post… ne farò il solito uso… Smack! :-D

  3. paola

    Vediamo se vi piace..non sono un’esperta, ma la trovo particolare. La vera vite.

  4. Mariella Santarelli

    Gloria al padre al Figlio ed allo spirto Santo come era in principio ora e sempre nei secoli dei secoli amen buona anno a tutti

  5. paola

    Lo speciale Tg2 Dossier su Papa Ratzinger alla vigilia dell’Epifania
    sabato 5 gennaio alle ore 23.30 su Raidue

    http://vaticaninsider.lastampa.it/news/dettaglio-articolo/articolo/papa-pope-el-papa-ratzinger-21082/

    • Grazie, Paola, l’avevo visto e speriamo che lo facciano bene, non mi fido molto…Ma non si sa mai! :)

      • paola

        Ecco, vedi? Sai sempre tutto in anticipo… ;-)

      • L’articolino di Vaticaninsider accenna che nella puntata si parlerà anche del “retroscena sul titolo del «Manifesto» sul «Pastore tedesco»”, a proposito del quale l’autore dice che “quel titolo voleva essere evocativo dell’inflessibilità di Ratzinger come guardiano dell’ortodossia, sette anni dopo l’accento sul «pastore» si è rivelato azzeccato.”

        Ma l’autore dell’articolo ci è o ci fa?

        • Credo che si sia espresso male, voleva sicuramente dire che il Papa tedesco si è rivelato un vero pastore, ecco spiegato anche la parola virgolettata. Non credi?

          • Lo penso anch’io; è solo che da un (o una) professionista dello scrivere ci si aspetterebbe di meglio, ecco (detto con tono lamentoso da Calimero pulcino nero ;-) )

            • Capita spesso invece, che stanno dettando al cellulare il pezzo da scrivere alla segretaria o simile. Oppure glielo riferiscono a grandi linee e il pezzo viene scritto da questa persona di fiducia. Allora è facile commettere degli errori. :)

              • Confesso che, per quanto riguarda me, io non riuscirei mai a campare facendo la giornalista, per la semplice ragione che per scrivere cinque righe posso metterci cinque giorni. Magari fossi capace anch’io di di scrivere a comando e in tutte le posizioni… :-)

  6. Volevo fare la giornalista, ma il Signore non era mica tanto d’accordo e mi ha procurato un altro lavoro. ;)
    Ma in italiano fatico a trovare le parole azzeccate e oggi, per dirla tutta, se devo dire le bugie per scrivere e guadagnarci anche, non è neanche un lavoro onesto. :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: