La straordinaria potenza della preghiera

Un ricercatore di fama, lo scienziato americano Dr. N.J. Stowel, ha misurato l’effetto della preghiera. Egli racconta:

roumanie1_2“Ero un cinico, un ateo e credevo che Dio fosse solo un’immaginazione della mente umana. Un giorno lavoravo in  un grande laboratorio patologico di una clinica. Ero occupato a misurare la lunghezza d’onda e l’intensità di irradiamento dei cervelli umani. Con i miei collaboratori decidemmo di studiare quello che succede nel cervello umano durante il passaggio dalla vita alla morte. A tale scopo avevamo scelto una donna che soffriva di un tumore maligno al cervello. La donna era perfettamente normale fisicamente e mentalmente. La sua serenità ci colpiva tutti. Sapevamo che doveva morire, e anche lei lo sapeva. Poco prima della sua morte mettemmo nella sua stanza un apparecchio di registrazione ultrasensibile che doveva indicarci quello che sarebbe accaduto nel suo cervello negli ultimi minuti di vita. Sopra al letto aggiungemmo un piccolo microfono nel caso avesse detto qualcosa negli ultimi momenti. Nell’intervallo ci recammo nella stanza accanto. Eravamo 5 scienziati ed io ero quello più insensibile. Nell’attesa restammo in piedi davanti ai nostri strumenti. L’ago era sullo zero e poteva oscillare a 500 gradi a destra nei valori positivi e 500 gradi a sinistra in quelli negativi.

Qualche tempo prima, con l’aiuto dello stesso apparecchio, avevamo misurato una stazione radio il cui programma si irradiava nell’etere con una potenza di 50 kilowat, doveva essere una notizia che doveva essere trasmessa in tutto il pianeta. Durante questa prova constatammo una misura positiva di 9 gradi.

L’ultimo istante dell’ammalata sembrava avvicinarsi. Ad un tratto sentimmo che si mise a pregare e a lodare Dio. Gli domandò di perdonare tutte le persone che le avevano fatto dei torti nella vita e poi disse: “So che tu sei l’unica sorgente di vita degna di fiducia per tutte le tue creature”. Lo ringraziò per la sua forza, con la quale l’aveva guidata in tutta la sua esistenza. Affermava che il suo amore non era diminuito malgrado tutte le sue sofferenze. E nella prospettiva del perdono dei suoi peccati per mezzo di Gesù emanava una gioia inesprimibile. Frementi restammo intorno ai nostri apparecchi senza vergognarci delle nostre lacrime. Improvvisamente mentre la donna continuava a pregare sentimmo un tintinnio sul nostro apparecchio: l’ago si era posizionato a 500 gradi a destra e si agitava a più riprese contro l’ostacolo. Avevamo fatto una scoperta prodigiosa: il cervello di una morente in contatto con Dio sviluppava una potenza 55 volte più forte di tutto l’irradiamento universale della radio diffusione. Per verificare le nostre osservazioni decidemmo di fare un altro esperimento. Chiedemmo all’infermiera di stimolare in tal senso un ammalato. L’uomo reagì con delle ingiurie e delle imprecazioni e si rivolse a Dio in maniera blasfema. Vi furono dei tintinnii sul nostro apparecchio. Eravamo sbalorditi: l’ago battendo contro l’ostacolo si era rotto al di sotto dei 500 negativi a sinistra. Eravamo riusciti incontestabilmente a dimostrare in modo scientifico la potenza positiva di Dio ma anche la forza negativa dell’avversario. Da quel momento la mia concezione atea cominciò a crollare.

In un ospedale furono fatti esperimenti per verificare l’efficacia della preghiera nella guarigione degli ammalati. Unen-prire-avec-une-bible gruppo di persone si rese disponibile a pregare per alcuni degenti scelti a caso. Il risultato fu che questi guarivano prima di altri. Furono fatte altre prove, ma questa volta si associarono dei numeri alle persone ammalate in modo che non si sapesse per chi si stava pregando. Anche in questo caso i risultati furono sorprendenti. Le persone abbinate, a loro stessa insaputa, a dei numeri guarirono prima delle altre.

Negli Stati uniti e in Giappone sono stati effettuati esperimenti sugli effetti della meditazione profonda. Questa faceva diminuire i livelli di ansia, colesterolo e adrenalina mentre faceva aumentare i livelli di serotonina. Inoltre i benefici dimostrati erano: riduzione della pressione sanguigna, del mal di testa, benefici legati a disturbi al colon irritabile, riduzione della produzione del cortisolo (ormone dello stress), aumento notturno della melatonina, riduzione della noradrenalina, (neurotrasmettitore prodotto dallo stress); aumento del Dhea (ormone che agisce sul sistema immunitario), aumento di testosterone; aumento della coerenza cerebrale tra emisfero destro e sinistro. Ma la preghiera non fa bene solo al “destinatario”, fa bene soprattutto a se stessi perché consente il rilassamento neuromuscolare, favorisce la calma, la serenità, la pace interiore.

All’inizio degli anni Novanta, l’Accademia delle Scienze di Mosca riferì una stupefacente relazione tra il DNA e le qualità della luce, misurata in fotoni. In una relazione su questi studi iniziali, il dott. Vladimir Poponin ha descritto una serie di esperimenti secondi cui il DNA umano influenza direttamente il mondo fisico. Il dott. Poponin, leader riconosciuto nel campo della biologia quantistica, era ospite di una istituzione di ricerca americana quando questa serie di esperimenti venne svolta. Gli esperimenti erano iniziati con la misurazione di strutture di campo della luce nel vuoto, all’interno di un ambiente controllato. Dopo aver rimosso tutta l’aria da una capsula appositamente predisposta, la struttura di campo e la distanza fra le particelle di luce prendevano una distribuzione casuale, come ci si attendeva. Le strutture di campo furono controllate e registrate due volte, per essere usate come riferimento nella sezione successiva dell’esperimento. La prima sorpresa si verificò quando dei campioni di DNA vennero posti all’interno della capsula. In presenza di materiale genetico, distanza e struttura di campo delle particelle di luce cambiarono.

Franco Libero Manco

kirche-gebet_fe

Categorie: Il Rosario, In Cristo Re e Maria Santissima, La Cattedrale, La verità su...., Testimonianze | Tag: , , , , , , , , , | 19 commenti

Navigazione articolo

19 pensieri su “La straordinaria potenza della preghiera

  1. Mariella Santarelli

    Ave maria madre di Dio prega per noi peccatori adesso e nell’ora della nostra morte amen gloria al padre al figlio ed allo spirito santo buona e santa gionrata tutti

  2. Molto interessante. E meno male che ogni tanto si trova qualche scienziato ateo onesto intellettualmente.

    • Giusto, ma chi sa come mai non viene fatta propaganda per questi risultati straordinari.

      • Perché sono politically uncorrect ovviamente, disturberebbe le coscienze, ostacolerebbe la via che vogliono farci percorrere, quella della perdizione.

      • 61angeloextralarge

        Propaganda? Provvedo subito nel mio piccolo e se lo fa anche qualcuno in più già saremo in 2 e se lo fa anche… già saremo in 3… e vvvvai! ;-)

  3. 61angeloextralarge

    Karin: “sgraffignato”. Smack! :-

  4. L’uomo della Croce crea scandalo. L’aveva previsto, ce l’aveva detto e cosi è.

  5. Oh, bellissimo articolo! Anch’io te lo ‘rubo’ per metterlo sul mio blog, e saremo in tre. Un abbraccio

  6. La preghiera aiuta , ti da un senso di pace e di serenità e ti da l ‘ opportunità di migliorarti <3

  7. Eva Bialas

    Si, siamo davvero fortunate di poter attingere a questa medicina divina! E’ vero, quando si prega e si medita, tutto cambia, si entra in un emisfero di gioia e di fiducia, anche se le cose vanno male.

  8. germana

    Ho il dubbio però che gli studi sugli effetti “scientifici” della preghiera possano portare ad un pericoloso fraintendimento,pensare che la preghiera sia una sorta di “tecnica” che avrà gli stessi effetti a prescindere da chi la applichi

    • La preghiera è anche una tecnica, Germana. Dov’è il problema?

      • germana

        E’ tecnica se sei ateo,per un credente è colloquio con Dio,per un cristiano presuppone il credere che Gesù è morto sulla croce per la nostra redenzione.Per un credente non è solo richiesta,ma sopratutto colloquio,colloquio ch eti cambia e ti avvicina a Dio.Il considerarla una tecnica è cosa ben diversa,vuol dire che la preghiera funziona se rispetti determinate condizioni (es. modo in cui la reciti,parole che usi,luogo etc.)

        • Germana, tu parli del migliore dei casi. :) Ma la preghiera, quando uno è arrido, in piena prova e senza alcun sentimento, diventa una tecnica per superare i momenti, e spesso anche i mesi, difficili. Una tecnica che lega a Dio e preserva dalla disperazione. La conoscono bene gli eremiti oppure una Madre Teresa di Calcutta, che non sentiva nulla, ma pregava nella fiducia cieca che Dio l’ascoltasse.
          La preghiera gridata di un ateo… Oppure la tecnica orante che dà il ritmo alla giornata,

          • germana

            ok,così ci siamo .Alla base c’è sempre e comunque il credere in qualcosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: