La più antica preghiera alla Vergine Maria

Oggi inizia il mese dedicato a Maria e vorrei iniziarlo con questo documento antico che stabilisce una volta per tutte che la preghiera a Maria non è in concorrenza con le preghiere a Suo Figlio Gesù. La tradizione non tradisce bensì, conferma.

“SUB TUUM PRAESIDIUM”

E’ la più antica preghiera mariana che si conosca. E’ stato ritrovato, recentemente, il testo greco di questa bella preghiera in un papiro antico, il n. 470 della collezione John Ryland Library, pubblicato nel 1938 da C.H. Roberts, protestante, a Cambridge.

Il testo mutilo del papiro è stato completato in modo vario. Molta discussa la datazione. Secondo il Roberts, risalirebbe al secolo IV. Anche per lo Stegmuller non sarebbe anteriore alla fine del secolo IV. Secondo il Lobel invece, collega del Roberts e coeditore dei papiri di Ossirinco, in base a ragioni paleografiche, risale a non più tardi del secolo III.

5491. Il “s.t.p.”: preghiera della Chiesa antica

Per la semplicità e la spontaneità di sentimento che contiene, la formula del “Sub tuum praesidium” scritta sul papiro è evidentemente ispirata dai testi biblici e impiega sicuramente espressioni caratteristiche del greco dei LXX.

L’inizio della preghiera rievoca la ben nota immagine dell’ “ombra delle ali”, un immagine cara al cuore di semiti e degli egiziani, che la usavano come un simbolo espressivo della protezione divina (cfr Is 49,9; 51,16; Sl 16,8).

E’ molto interessante notare che la versione copta ha conservato non tradotto il termine biblico skepe, la parola tradotta come praesidium nella formula romana. E’ inoltre molto significativo che il concetto della ”umbra alarum” è nelle versioni che altre liturgie orientali hanno fatto dal s.t.p. alessandrino. E’ anche molto evidente che questa preghiera attribuisce alla Vergine benedetta una certa efficacia di protezione che naturalmente apparterrebbe solo a Dio, una sorta di potere che Dio le concede perché è la Madre di Dio. Ed è questa protezione che la Chiesa ci raccomanda di chiedere ogni sera, quando recitiamo la ben conosciuta preghiera di Compieta: “Sub umbra alarum tuarum protege nos”.

Lungo tutta la composizione troviamo la stessa situazione spirituale manifestata nei salmi individuali che chiedono l’immediato aiuto del Signore, rifugio e liberatore del credente che fa ricorso a Dio per scampare ai pericoli che lo minacciano (Sl 16,27; 30,58-60. Particolarmente Sl 17,3; 90,1; 142,9; 114, 2-5).

Il s.t.p. è la voce della Chiesa dei martiri: esso esprime l’atteggiamento di un intero popolo che vive in uno stato di pericolo e ardentemente desideroso di liberazione. Immediatamente ci ricordiamo della persecuzione di Valeriano e di Decio. Sotto Valeriano, s. Cipriano fu martirizzato in Africa. Nella stessa persecuzione soffrì in Roma papa Sisto II e il suo diacono s. Lorenzo. Moltissimi martiri furono messi a morte, in Africa, sotto Decio. Nello stesso paese vi furono inoltre moltissimi lapsi, alcuni di questi libelli furono trovati nelle stesse sabbie africane (egiziane) dove fu composto il nostro primitivo testo del s.t.p.

Il testo parla di una grande “necessità” per la quale il popolo cristiano cerca rifugio sotto il manto della Vergine e sotto l’ombra delle sue ali. Qui il testo greco usa un’interessantissima espressione: si parla dell’ombra dell’ “euspagchia” di Maria. Questo è un termine che si volge al cuore materno della Vergine benedetta e alla sua grande e misericordiosa bontà e sollecitudine come Madre. In tal modo il testo originale greco può essere tradotto come: “Noi ci rifugiamo all’ombra della tua misericordia” o “al riparo del tuo cuore”.

 2. Il “s.t.p.”: la sua diffusione nelle varie liturgie

 Nella patria d’origine, l’Egitto, il s.t.p. si è diffuso attraverso i due riti principali: il bizantino e il romano. La liturgia copta12707_4042986396712_1508792836_n ha conservato quasi integralmente la formula originaria che ci offre il papiro greco, e ancor oggi, almeno presso i cattolici, ne fa un uso a Compieta. La liturgia bizantina e romana dovettero ricevere il s.t.p. dall’Egitto prima della controversia cristologia del secolo V.

2.1. Liturgia romana

 Nell’occidente latino il s.t.p. ha avuto varie redazioni che testimoniano originali greci

diversi. La formula romana si ritrova nell’Antifonario di Compiègne (secc. IX-X), tra le antifone in evangelio (serie di antifone che s’intercalavano tra i diversi versetti del Benedictus) per la festa dell’Assunzione. Attualmente, come già si notava, è in uso a Compieta e nei vari esercizi di pietà: ad es. dopo le litanie Lauretane. In Francia è in uso anche nei Saluts del SS.mo Sacramento.

A.Wilmart ha pubblicato un ufficio medievale in onore dei sette dolori della Vergine, attribuito a Innocenzo IV, ove il s.t.p. è la preghiera iniziale per ogni singola parte.

Nella liturgia domenicana si canta a Compieta per varie feste della Madonna. I salesiani l’hanno come devozione speciale in onore di Maria Ausiliatrice; presso i gesuiti fa (o faceva) parte dell’unico esercizio quotidiano di pietà praticato comunitariamente.

La melodia gregoriana, modo VII, nella sua semplicità quasi sillabica, esprime un sentimento di confidenza e filiale abbandono e, nell’insistente motivo, l’urgenza di un soccorso immediato.

2.2. Liturgia ambrosiana

Il testo milanese deriva da quello bizantino, ma sembra posteriore a s. Ambrogio, anche per l’errata traduzione “ne inducas in tentationem” (invece di: “ne despicias in necessitate” ), la quale non può essere attribuita al santo che conosceva bene il greco. Tale variante potrebbe però non appartenere alla traduzione originaria, ed essere una tardiva contaminazione dell’orazione domenicale.

Nel medioevo la preghiera si usava nella VI domenica di Avvento, tra le antifone o psallendae litaniche. Oggi si ha solo come antifona post evangelium in alcune messe in onore della Madonna.

2.3. Liturgia bizantina

Nei confronti del testo originario, quello della liturgia bizantina costituisce una forma più elaborata, con varianti dovute soprattutto alle esigenze del ritmo.

Nella liturgia bizantina la preghiera è adibita come theotokìou (tropario in onore della Madre di Dio) alla fine dei Vespri feriali, sempre associata all’Ave Maria che precede come primo tropario (Theotòke parthéne chaire).

 2.4. Altri riti orientali

270428_490751384292926_1496789884_nLe chiese armene, siro-antiochena, siro-caldea e malarabica, maronita, etiopica, anche se non posseggono il s.t.p. nella loro liturgia, lo hanno nei loro libri di devozione (a quanto sembra, per influsso di Roma). I maroniti ne fanno, con le litanie lauretane, un uso frequentissimo. Per i cattolici dell’Etiopia fu tradotto dal latino dai missionari e si recita insieme alla Salve Regina. La formula siro-antiochena, la quale sembra molto antica, ha diverse varianti di sapore biblico che ne costituiscono una profonda rielaborazione.

 3. Il “s.t.p.”: valore teologico

In tanta necessità il cristiano cerca scampo sotto il manto della Vergine, all’ombra della sua eùsplagchìa, che non è l’ éleos dei salmi, attributo di Dio, ma la grande misericordia e sollecitudine del cuore materno. E la preghiera a lei è rivolta direttamente, come soccorritrice e salvatrice,  essendo la Madre di Dio, Theotòkos.

 Il ritrovare questa parola in un testo eucologico dimostra che essa, in Egitto, non era solo un termine della scuola, ma liturgico. Considerando poi come nell’epoca anteriore al concilio di Efeso (431) tale parola dogmatica si riscontra in autori che si ricollegano con la scuola di Alessandria, si scorge in questa un influsso della liturgia alessandrina e si spiega maggiormente l’asprezza della lotta antinestoriana, in cui Cirillo si batté non per un termine di scuola, ma per un’espressione della fede del popolo, consacrata dall’uso liturgico.

Non si conosceva finora alcun documento positivo comprovante il culto di invocazione alla Vergine nel periodo anteniceno: il papiro Ryland 470 riempie la lacuna documentaria ed eliminando ogni discussione. Con la chiara affermazione della maternità divina di Maria il s.t.p. ha una manifesta allusione anche alla sua immacolata purezza, proclamando la Santa Vergine come la “sola pura”, la “sola casta” e benedetta”: e moné agné, kai e eulogeméne.

 APPENDICE

A. Il testo originario

La scrittura a lettere onciali, alta e diritta, stretta e, nello stesso, tempo ariosa, con elementi ornamentali, ha un aspettoimg_5705 decorativo in parte proprio delle iscrizioni, per cui H.J. Bell, cui si associa il Roberts, pensa che il papiro fosse un esemplare destinato come “modello per un incisore”.

B. La composizione

Essendo il lato destro del papiro molto lacero, al Roberts è sfuggita la natura specifica della preghiera, ed è merito del p. Feuillen Mercenier aver in esso riconosciuto il s.t.p., proponendo così la ricostituzione completa del testo in base alle relative formule liturgiche ancor oggi in uso nel rito copto e bizantino.

Come tutte le preghiere liturgiche antiche, il s.t.p., pur nella sua semplicità e spontaneità del sentimento, si ispira a testi biblici, mutuando espressioni caratteristiche del greco dei LXX. L’inizio richiama l’immagine dell’ “ombra delle ali” cara ai semiti e agli egiziani, quale espressivo simbolo della divina protezione: upò tèn sképen tes…(cfr Is 49,2; 51,16; Sl 16,8).

E’ notevole il fatto che la formula copta abbia conservato senza tradurlo il termine sacro sképe (praesidium) e che il concetto dell’ “umbra alarum” si ritrovi in alcune versioni, come la siriana, la siro-caldea e l’armena. In tutta la composizione poi si rileva la stessa situazione spirituale che si riscontra nei salmi individuali (ad es. 16,27; 30,58; 60): imploranti il soccorso immediato del Signore, rifugio e liberatore del fedele che a lui ricorre per scampare dall’incombente pericolo ( Sl 17,3; 60,5; 70,4; 90,1ss; 114,2-5; 142,9).

C. Le varie letture

Il testo del papiro ricostruito dal Mercenier rappresenta la redazione primitiva, e spiega le due recensioni posteriori: L’orientale (bizantina-ambrosiana) e l’occidentale (alessandrinoromana).La formula romana infatti appare della medesima famiglia del testo copto, mentre quella ambrosiana dipende dal testo bizantino

N.B.

La tavola che segue è tratta da: F. MERCENIER, L’antienne mariale grecque la plus ancienne, in: Le Muséon 52 (1939) p. 231.

 “s.t.p.”: testo del papiro della Ryland Library, n. 470, col I, posto a confronto dal p.

johnrylands470

Testo del papiro:

[…]π[…]

εσπλ[…]

καταφε[…]

Θεοτόκετ[…]

κεσίαςμπαρ

ίδςνπεριστάσει[…]

λλκκινδύνων

[…]ρωσαιμς

μόνη[…]

[…]ηελογημένη[…]

Testo greco

traslitterazione

Traduzione letterale in latino

Ὑπὸ τὴν σὴν εὐσπλαγχνίαν,καταφεύγομεν, Θεοτόκε.Τὰς ἡμῶν ἱκεσίας,μὴ παρίδῃς ἐν περιστάσει,ἀλλ᾽ ἐκ κινδύνων λύτρωσαι ἡμᾶς,μόνη Ἁγνή, μόνη εὐλογημένη.

Hypò tèn sèn eusplanchnían,Katapheúgomen, Theotóke.Tàs hemôn ikesías,mè parídes en peristásei,All’ek kindýnon lýtrosai hemâsMóne hagné, móne eulogeméne

Sub misericordiam tuamconfugimus, Dei Genetrix.Nostras deprecationesne despicias in necessitate,sed a periculis libera nos,una sancta, una benedicta.

Versione romana (da cui deriva la traduzione italiana) 

Testo

traduzione

Sub tuum praesidium confugimus,

Sancta Dei Genetrix.

Nostras deprecationes ne despicias

in necessitatibus,

sed a periculis cunctis

libera nos semper,

Virgo gloriosa et benedicta.

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,

Santa Madre di Dio:

non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova,

ma liberaci da ogni pericolo,

o Vergine gloriosa e benedetta.

Questa versione, rimasta nel rito ambrosiano:

Sub tuam misericordiam confugimus

Dei Genitrix

nostram deprecationem ne inducas

in tentationem

sed de periculo

libera nos

sola casta

et benedicta

Fonte principale

Categorie: In Cristo Re e Maria Santissima, Preghiere e suppliche, Vox catholicae Ecclesiae | Tag: , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “La più antica preghiera alla Vergine Maria

  1. Pingback: Sotto la tua protezione ho trovato “Refuge” |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: