Loreto – L’importante è Gesù

Loreto - L'importante è Gesù

Sabato, l’8 giugno 2013,si è svolto l’ormai tradizionale  pellegrinaggio a Loreto

Messaggio del Papa:  L’importante è Gesù! 

La tradizione lauretana

Un’antica tradizione riferisce che nella notte del 10 dicembre 1294 la Santa Casa di Nazareth, in cui la Madonna nacque e ricevette l’annuncio dell’Angelo, venne trasportata in territorio marchigiano.

Molteplici sono le fonti letterarie, iconografiche e archeologiche che dalla fine del XII secolo attestano la presenza e il culto della Santa Casa di Loreto: fin dai primi anni del Trecento, dai paesi vicini a Loreto e man mano da altre parti d’Italia si muovono dei pellegrini, e già nel 1322 è attestato un pellegrinaggio straniero, dalla Germania; poco dopo altri dalla Grecia e dall’Europa settentrionale.

Le indulgenze concesse dai papi, le manifestazioni di devozione dei fedeli e le grazie concesse dalla Madonna incrementarono sempre più questo fenomeno, che diventò talmente grande da costringere anche le autorità civili locali ad interventi di protezione dei pellegrini tramite il rilascio di salvacondotti, riparazioni e costruzioni di strade, ponti, etc.  Lungo le strade usate dai pellegrini la carità dei cristiani aveva inoltre approntato ricoveri ed ospizi.

Numerosi papi, regnanti e personaggi famosi verranno nei secoli a Loreto. Nel febbraio del 1493 l’equipaggio di Cristoforo Colombo nel viaggio di ritorno dopo la scoperta dell’America, sorpreso da una tempesta, fa un voto alla Madonna di Loreto: «Fu gettata un’altra volta la sorte a fine di inviare un romeo (pellegrino) a Santa Maria di Loreto, la quale si trova nella Marca d’Ancona, terra del Papa, ed è la casa dove nostra Signora ha fatto e fa tuttavia numerosi e grandi miracoli». Nel cinquecento Loreto è ormai una delle mete di pellegrinaggio più importanti per i cristiani, ed è perciò conosciuta in tutto il mondo: si registra nel 1582 la presenza dell’ambasciatore russo, inviato al Papa da Ivan IV e, nel 1585, dell’ambasciatore del Giappone.

Per le condizioni delle vie di comunicazione e dei mezzi di trasporto nei secoli scorsi il pellegrinaggio comportava numerosi rischi. Al fine di ovviare a tali difficoltà e per favorire un clima di raccoglimento, di preghiera e di testimonianza reciproca vengono organizzati numerosi pellegrinaggi di gruppo che hanno registrato una significativa ripresa dopo il Pellegrinaggio a piedi da Macerata a Loreto.
Per il VII Centenario di Loreto (1994-1995) Giovanni Paolo II scrisse all’allora arcivescovo di Loreto, mons. Pasquale Macchi: «La Santa Casa di Loreto non è solo una reliquia, ma anche una preziosa icona, concreta».

FONTE

Categorie: Quando i piedi pregano, Santuari - luoghi divini, Vita spirituale | Tag: , , , , | 10 commenti

Navigazione articolo

10 pensieri su “Loreto – L’importante è Gesù

  1. 61Angeloextralarge

    Loreto? Smackmegagigante! ;-)

  2. Mariella Santarelli

    padre nostro che sei nei cieli sia santificato il tuo nome venga il tuo regno sia fatta la tua volont come in cielo cos in terra dacci oggi il nostro pane quotidiano rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori non indurci in tentazione ma liberaci dal male gloria al padre al figlio ed allo spirito santo come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli amen mariella ave maria madre di Dio che sei il nostro custode illumina custodisci reggi e governa noi

  3. Anna

    Ciao ragazze, tutto bene? Io, invece, volevo comunicarvi quanto mi ha lasciato senza parole la lettura (trovata dopo aver aperto ‘Messaggio del Papa’) dell’articolo sull’intervento della ‘filosofa’ Marzano al Festival biblico…Non capirò mai come, dopo che Iddio ci ha dato l’intelligenza e la grazia per usarla, con la Sapienza e quant’altro…noi stessi che ci definiamo ‘Cristiani’, stiamo facendo ‘karakiri’ e buttando all’aria tutto ciò su cui si basa la nostra (presunta) fede. Per non parlare dell’altro sulla ‘lobby ecc. ecc.’ Spero che La Nostra madre celeste dolcissima non si stanchi di tanta grettezza e non ci abbandoni al nostro vaneggiare!

  4. Anna

    Non è xmesso più nemmeno il confronto di idee…è triste..proprio…Vogliono che vada avanti solo la cultura della morte…anche della famiglia come, da che mondo è mondo, è stata concepita. Poi, magari, le stesse persone ti imbastiscono campagne contro la pena di morte: ma c’è differenza fra l’uccidere un uomo adulto o lo stesso quando ha 1 giorno o 2 o 8 settimane dal concepimento (che, per me, dovrebbe essere di fatto il proprio compleanno, perchè noi nn cominciamo a vivere quando vediamo la luce)? Che pazienza devono avere Lassù per continuare a tollerarci!

    • Si, Anna, tanta pazienza e tanta speranza.
      Quanta ipocrisia messa in atto per trovare delle scuse per i propri misfatti, dei sedativi per la coscienza. Nessuno però mi può convincere che non sappiano quel che fanno, chi davvero pecca per ignoranza non ha tutto questo livore nel difendere i propri atti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: