Il gioco vuoto. La liturgia come simulacro

Introduzione allo spirito della liturgiaL’uomo non può «farsi» da sé il proprio culto; egli afferra solo il vuoto, se Dio non si mostra. Quando Mosè dice al faraone: «noi non sappiamo con che cosa servire il Si­gnore» (Es 10,26), nelle sue parole emerge di fatto uno dei principi basilari di tutte le liturgie. Se Dio non si mostra, l’uomo, sulla base di quell’intuizione di Dio che è iscritta nel suo intimo, può certamente co­struire degli altari «al dio ignoto» (cfr. At 17.23); può protendersi con il pensiero verso di lui, cercarlo pro­cedendo a tastoni. Ma la vera liturgia presuppone che Dio risponda e mostri come noi possiamo adorarlo. Essa implica una qualche forma di istituzione. Essa non può trarre origine dalla nostra fantasia, dalla nostra creatività, altrimenti rimarrebbe un grido nel buio o una semplice autoconferma. Essa presuppone qualcosa che stia concretamente di fronte, che si mostri a noi e indichi così la via alla nostra esistenza.

Di questa non arbitrarietà del culto vi sono nell’An­tico Testamento numerose e impressionanti testimo­nianze. In nessun altro passo, però, questo tema si ma­nifesta con tanta drammaticità come nell’episodio del vitello d’oro (o meglio, del torello). Questo culto, gui­dato dal sommo sacerdote Aronne, non doveva affatto servire un idolo pagano. L’apostasia è più sottile. Essa non passa apertamente da Dio all’idolo, ma resta ap­parentemente presso lo stesso Dio: si vuole onorare il Dio che ha condotto Israele fuori dall’Egitto e si crede di poter rappresentare in modo appropriato la sua mi­steriosa potenza nell’immagine del torello. In appa­renza tutto è in ordine e presumibilmente anche il ri­tuale procede secondo le prescrizioni. E tuttavia è una caduta nell’idolatria. Due cose portano a questo cedi­mento, inizialmente appena percettibile. Da una parte la violazione del divieto delle immagini: non si riesce a mantenere la fedeltà al Dio invisibile, lontano e mi­sterioso. Lo si fa scendere al proprio livello, riducen­dolo a categorie di visibilità e comprensibilità. In tal modo il culto non è più un salire verso di Lui, ma un abbassamento di Dio alle nostre dimensioni: Egli deve essere lì dove c’è bisogno di Lui e deve essere così come si ha bisogno di Lui. L’uomo si serve di Dio se­condo il proprio bisogno e così si pone in realtà al di sopra di Lui. Con ciò si è già accennato alla seconda cosa: si tratta di un culto fatto di propria autorità. Se Mosè rimane assente a lungo e Dio diventa quindi inaccessibile, allora lo si porta al proprio livello. Que­sto culto diventa così una festa che la comunità si fa da sé; celebrandola, la comunità non fa che conferma­re se stessa. Dall’adorazione di Dio si passa a un cerchio che gira intorno a se stesso: mangiare, bere, di­vertirsi. La danza intorno al vitello d’oro è l’immagi­ne di questo culto che cerca se stesso, che diventa una sorta di banale autosoddisfacimento. La storia del vitello d’oro è un monito contro un culto realizzato a propria misura e alla ricerca di se stessi, in cui in defi­nitiva non è più in gioco Dio, ma la costituzione, di propria iniziativa, di un piccolo mondo alternativo. Allora la liturgia diventa davvero un gioco vuoto. O, ancora peggio, un abbandono del Dio vivente camuf­fato sotto un manto di sacralità. Ma alla fine resta an­che la frustrazione, il senso di vuoto. Non c’è più quell’esperienza di liberazione che ha luogo lì dove avviene un vero incontro con il Dio vivente.

(Joseph Ratzinger, Introduzione allo spirito della liturgia, tr. it., San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 2001, pp. 17-19)

Categorie: Joseph Ratzinger | Tag: , , , | 16 commenti

Navigazione articolo

16 pensieri su “Il gioco vuoto. La liturgia come simulacro

  1. Anche la più sacra delle cose si svuota della sacralità se viene “usata” e non vissuta nella sostanza. Come se avessimo un diritto su Dio….
    E’ difficile commentare gli scritti di Ratzinger, è talmente chiaro che basta soltanto leggere per comprendere. Sa unire la ragione con il cuore, da vero cattolico, e pensate, non ha bisogno neanche un’aggettivo accanto, lui è per davvero solamente e integralmente cattolico. Un respiro di aria fresca per la Chiesa.
    Grazie! :)

    • 61Angeloextralarge

      Concordo su ogni parola.
      Certi autori è bene leggerli, rileggerli e leggerli ancora… e ogni volta si scoprono nuove cose.
      Grazie Andreas e Karin! Smack! :-D

  2. per non dimenticarlo mi sono tatuato benedetto xvi sul braccio sopra il tatuaggio della medaglia miracolosa non ditemi niente gia’ l’ho fatto mi ripeto spero viva quanto mons. tonini 99 potremo solo beneficarne w papa francesco il dolce cristo in terra e aspettiamoci le novita’ di dio

  3. 61Angeloextralarge

    “L’uomo si serve di Dio se­condo il proprio bisogno e così si pone in realtà al di sopra di Lui.”: sta cosa è tremenda!

    • Concordo, Angela, bisogna vegliare sulle nostre inclinazioni.

      • 61Angeloextralarge

        Quando trattiamo Dio come un jubox, dicendo una preghiera perché abbiamo una necessità, e poi lo ignoriamo per il resto delle occasioni… non facciamo così? :-(

  4. paola

    Si possono fare gli auguri a senm webmistress? Buon…onomastico!
    Karin, e Andreas, sempre stupendi i brani di B16, grazie. E buona estate a tutti :-D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: