L’incontro con il re!

Stiefel-Bettler

Padre Giovanni Taulero racconta che dopo aver pregato per molti anni il Signore, chiedendogli di mandargli chi gli insegnasse la vera vita spirituale, un giorno udì una voce che gli disse: «Va’ in quella chiesa, e troverai la tua risposta!»

Il padre andò in quella chiesa, e sulla porta trovò un mendicante, scalzo e tutto lacero. Lo salutò dicendogli: «Buon giorno, amico.»

Il povero rispose: «Signor maestro, io non mi ricordo giammai d’aver avuto un giorno cattivo!»

Il padre replicò: «Iddio vi dia una vita felice!» al che il mendicante rispose:

«Ma io non sono stato mai infelice! Udite, padre mio: non a caso io ho detto di non aver avuto nessun giorno cattivo, perché quando ho fame, io lodo Dio. Quando scende la neve o la pioggia, io lo benedico. Se qualcuno mi disprezza, mi scaccia, se provo altra miseria… io sempre ne do gloria al mio Dio. Ho detto poi che non sono stato mai infelice, e ciò è vero, poiché io sono abituato a volere tutto ciò che vuole Dio, senza riserva; perciò tutto quello che mi succede, o di dolce o di amaro, io lo ricevo dalla Sua mano con gioia, come il meglio per me, e questa è la mia felicità.»

«Ma se mai..» disse Padre Taulero «…Dio vi volesse dannato, voi che direste?!»

«Se Dio ciò volesse» rispose il mendicante «io con umiltà e con amore abbraccerei il mio Signore e lo stringerei così forte, che se Egli volesse mandarmi all’inferno sarebbe costretto a venire con me, e così poi mi sarebbe più dolce essere con Lui nell’inferno, che possedere senza di Lui tutte le delizie del cielo!»

 «Voi chi siete?» chiese il Padre.

Ed il povero: «Io sono re!»

«E dove sta il vostro regno?»

«Sta nell’anima mia, dove io tengo tutto ordinato… le passioni ubbidiscono alla ragione e la ragione ubbidisce a Dio.»

Finalmente Padre Taulero gli domandò che cosa l’aveva condotto a tanta perfezione.

«È stato» rispose «il silenzio…. ho taciuto con gli uomini per parlare con Dio; ed è nell’unione col mio Signore, che ho trovato e trovo tutta la mia pace.»

Tale fu in questo povero l’unione con la divina volontà, che egli fu certamente nella sua povertà più ricco che tutti i monarchi della terra, e nei suoi patimenti più felice che tutti i mondani con le loro delizie terrene.

(Dal libro “I sermoni” di Padre Giovanni Taulero, Domenicano)

Categorie: La Cattedrale, Saggezza, Vita spirituale | Tag: , , , , , | 6 commenti

Navigazione articolo

6 pensieri su “L’incontro con il re!

  1. 61Angeloextralarge

    Da brividi… Questo re, sì, che ha capito tutto! :-D
    Se non mi vergognerò troppo dei miei peccati… anche io voglio abracciare Gesù e portarlo con me. Devo memorizzarlo1 ;-)

  2. giovanna

    Che bello quest’articolo. Il silenzio è sì un alleato prezioso e fecondo, ma anche esigente. Chiede dominio di sé, disciplina interiore. Ma soprattutto una fede salda, armata della semplicità del Vangelo, sostenuta dalla preghiera incessante che diventa un modo di stare al mondo. Quella sapienza della fede che illumina questo re con le scarpe rotte. Magnifica davvero questa pagina che ci avete proposto. Altro che …iteologia! Vi ringrazio.

    • 61Angeloextralarge

      Giovanna: concordo! Smack! ;-)

    • Stamattina l’ho letto e sono rimasta li senza parole, credo che succeda sempre quando si incontra la verità, quella che appartiene a Lui e che viene da Lui. Non potevo non pubblicarlo.
      In un mondo di chiasso arriva questa perla e sai: così dovrebbe essere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: